Influencer: individui con un più o meno ampio seguito di pubblico che hanno la capacità di influenzare i comportamenti di acquisto dei consumatori in ragione del loro carisma e della loro autorevolezza rispetto a determinate tematiche o aree di interesse.

È proprio l’alto potenziale relazionale e una consolidata reputazione derivante dall’alto grado di interesse e conoscenza di un certo argomento che contraddistingue l’influencer e che avvalora la sua autorevolezza e la fiducia da parte del suo seguito. La credibilità può derivare, oltre che dal fatto di essere considerato un esperto in un particolare settore, anche dall’esser percepito come neutrale rispetto ai portatori di interesse che operano in quel dato settore.

L’ influencer marketing

Ciò spiega l’ampio ricorso al fenomeno dell’ influencer marketing: influencer scelti in base alla propria sfera di influenza che mostrano sostegno o approvazione (endorsement) per determinati brand, generando un effetto pubblicitario, ma senza palesare la finalità commerciale della comunicazione. Agli occhi dei consumatori, pertanto, gli influencer presentano una maggiore credibilità rispetto alle figure professionali normalmente impiegate dall’impresa per promuovere i propri brand e prodotti: ad esempio, agenti, promoter, brand ambassador, testimonial ecc.

È evidente che tali iniziative possono facilmente sconfinare nella cosiddetta pubblicità occulta e risultare dunque ingannevoli per il consumatore medio. Quest’ultimo, infatti, è portato ad interpretare la comunicazione come consiglio derivante dall’esperienza personale dell’influencer e dunque a considerarla come attendibile. Per evitare ogni tipo di ambiguità, il Codice di autodisciplina della comunicazione commerciale, che costituisce la fonte di riferimento in tema di diritto pubblicitario, impone all’art. 7 che la comunicazione commerciale debba essere sempre riconoscibile come tale.

L’ influencer nei processi di Digital PR

D’altra parte, con l’avvento del Web 2.0 il ricorso a influencer per promuovere beni e servizi è diventato una pratica usuale e largamente diffusa fra le imprese. Alle classiche attività di PR focalizzate su media e opinion leader, si sono oggi affiancate quelle di digital PR, che sfruttano i cosiddetti “nodi” influenti della rete sociale, ossia proprio gli influencer, per diffondere il messaggio pubblicitario. Grazie alla loro riconosciuta competenza in merito a una specifica area tematica e/o all’ampia esposizione mediatica, essi possono amplificare il messaggio pubblicitario attraverso il passaparola (Word-Of-Mouth) e raggiungere così audience specifiche che risultano più sensibili ai temi o prodotti proposti. Per catturare l’attenzione del target di una campagna pubblicitaria, gli influencer generalmente fanno leva sull’affinità dei contenuti del messaggio con una determinata sfera di interessi o di valori dell’audience destinataria del messaggio medesimo.

Proprio per il ruolo determinante che gli influencer svolgono all’interno dei processi comunicativi, molto spesso essi vengono utilizzati come testimonial per pubblicizzare prodotti che rientrano nella loro sfera di influenza.

 

Influencer definizione marketing

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi